Psicologia Clinica e Psicoterapia in Comunità terapeutiche psichiatriche, centri diurni e residenzialità terapeutiche
Numero unico per inserimenti, prime visite e consulenza clinica: 06 3290600

 
   


Home > Associazione Reverie Comunità 1 > Comunità Terapeutica Romana

Comunità Terapeutica Romana

CTR COMUNITÀ. TERAPEUTICA ROMANA
(in funzione dal 1994)
Via Moncenisio, 20
00141 Roma
Tel./Fax 06/8177417 
Responsabile:
Dott.ssa Milena Robert
Direttore: 
Dott. Claudio De Santis
 
Ubicazione e descrizione della struttura
 
La CTR è operativa dal 1995 ed è ubicata nel territorio urbano del Comune di Roma. La sede della comunità, un villino d’epoca costruito su tre livelli nel quartiere di Montesacro, meglio conosciuto con il nome di "città giardino", ha una capacità recettiva fino ad un massimo di 10 ospiti.
Caratterisica di questa struttura, è l’aspettativa del reinserimento nel territorio di provenienza o comunque quella di poter usufruire delle opportunità offerte dal contesto urbano per lo svolgimento e la partecipazione ad attività sia di formazione professionale o lavorativa, che ludico - sportiva o espressiva da effettuarsi all’esterno della comunità
 
L’intervento 
 
 
Il programma di Roma è nato dal bisogno di offrire uno spazio di maggiore e più facile scambio con il territorio per alcuni giovani che, avendo già trascorso del tempo nella CT di Capena, manifestavano la capacità ed il desiderio di più frequenti spazi di autonomia: un corso di formazione, un piccolo impegno lavorativo, una psicoterapia individuale esterna da intensificare o anche gli amici da ricontattare.
Il contesto extraurbano, se funziona egregiamente come cerniera di decompressione rispetto a dinamiche troppo attivanti e conflittuali sia familiari che sociali e/o intrapsichiche, può produrre nel tempo una discreta stabilità. 
Al di là dei diversi significati e del valore processuale che tali condizioni assumono, sembra comunque assai utile poter disporre, in ogni momento, di alternative raggiungibili senza eccessivo rischio di fratture.
Il primo colloquio di selezione per l’ingresso nel programma di Roma ha lo scopo di valutare la motivazione da parte del paziente e di tutti gli "attori" della domanda (curanti, familiari) nonché la compatibilità con il programma.
La valutazione viene fatta caso per caso, raccogliendo la storia familiare e personale e integrandola con l’aspetto diagnostico che è di specifica competenza dello psichiatra
In particolare si osserva: 
1) la maggiore o minore reattività a stimoli ambientali. 
2) la capacità di contenere le angosce relative ad un confronto continuo con il contesto urbano e con un gruppo di ospiti generalmente capace di esprimere una certa autonomia; 
3) la possibilità di sostenere una minore strutturazione del programma; 
5) la presenza di risorse familiari ed istituzionali che garantiscano collaborazione durante e dopo la fase residenziale in Comunità.
Un contesto poco connotato sotto il profilo istituzionale - psichiatrico risulta più facilmente accettabile anche a persone che hanno una storia del disturbo meno segnata da innumerevoli ricoveri. I
 
 
L’équipe 
 
 
 
La composizione dello staff degli operatori è strettamente collegata, per titoli, specializzazioni e qualità, alle necessità di ciascun programma terapeutico. Nella struttura di Roma, adatta ad accogliere un numero massimo di 10 ospiti, lo staff consta di 13 operatori, tutti direttamente coinvolti nel processo terapeutico.
Essendo la CTR diretta a persone autosufficienti e potenzialmente in grado di gestire tutti gli aspetti della cura della persona e dell’ambiente, nello staff sono presenti ausiliari di diverso tipo. Per poche ore a settimana, ci si avvale di un operaio manutentore che cura gli aspetti più complessi della manutenzione. 
Il programma si avvale di un consulente psichiatra sempre reperibile in caso di necessità, nonché di prestazioni infermieristiche part-time. Tutti gli utenti sono affidati ad un medico di base presente sul territorio.
Nella quasi totalità gli operatori utilizzano, o hanno portato a termine, un "lavoro su di sé" a connotazione psicoanalitica, spesso nell’ambito di un training formativo. 
Conformemente al modello Reverie l’organico di base è suddiviso in due piccole équipe. Ogni piccola équipe (U.O.B.- Unità Operativa di Base), formata da 4 operatori, due di affidamento e due di programma, accoglie e segue 4-6 utenti.
La U.O.B. si riunisce settimanalmente alla presenza di un tutor. Tale riunione prevede tre momenti: 
· una riunione preliminare ristretta agli operatori dove vengono elaborate le dinamiche interne al loro gruppo, esaminati e coordinati i programmi individuali degli utenti:
· una riunione estesa a tutti i componenti della U.O.B. (operatori e loro affidati) che si configura come un piccolo gruppo ad orientamento psicoanalitico.
· Una riflessione tra i soli operatori sul risultato del lavoro svolto.
L’intero staff della Comunità si riunisce ordinariamente ogni due settimane in una riunione detta "assemblea di struttura" condotta dal Presidente e dal Direttore dell’Associazione, e che ha la funzione principale di integrare la comunicazione e la gestione degli interventi terapeutici.
Un ulteriore momento di integrazione dello staff è rappresentato dal gruppo di supervisione condotto da uno psicoanalista esterno. Tale gruppo si riunisce ordinariamente una volta al mese. Le riunioni di supervisione sono dedicate all’approfondimento dei casi clinici presentati volta per volta da ciascun operatore di affidamento.
 
 
Attualmente nella comunità operano:
 
1 psichiatra: Dott. Pierpaolo Colombo, con funzione di direttore sanitario; 


1 psicologo psicoterapeuta: Dott. Claudio De Santis, direttore tecnico organizzativo;


1 psicologo psicoterapeuta: Dott.ssa Milena Robert, direttore clinico;

1 psicologo - psicoterapeuta: Dott. Giacomo Recchi, aiuto responsabile per le attività clinico organizzative; 


 9 psicologi, psicoterapeuti, educatori di comunità, tecnici della riabilitazione, psicoterapeuti familiari;


2 infermieri professionali;


1 assistente sociale

 
— Collaborazione Esterna—
Dott. Mauro De Angelis, psicoanalista (laboratorio di psicodramma analitico)
Dott. Giampiero Di Leo, psicologo psicoterapeuta (conduttore del gruppo psicoterapeutico)
 
— Supervisione e conduzione del Gruppo di Psicoterapia Multicoppie-
Dott. ssa Annamaria Nicolò Corigliano